Pubblicato il

2 Tiri di Sigaretta Elettronica?…non prendi l’aereo !!

La disavventura di un passeggero colpevole di svapare.

Ecco la disavventura vissuta da M. S.

Mentre attendeva di salire la scaletta dell’aereo per imbarcarsi su un aereo Volotea per il capoluogo campano, ha pensato bene di fare 2 tiri dalla sua #SigarettaElettronica.

Il comandante dell’aereo si è precipitato fuori dal mezzo urlando in inglese, le assistenti di volo hanno spiegato al malcapitato, che non capiva bene che cosa stesse succedendo, che il capitano aveva deciso di non farlo imbarcare.

Inutile l’intervento delle forze dell’ordine che hanno spiegato al comandante che sul piazzale dell’aeroporto l’uso delle sigarette elettroniche era consentito.

Il malcapitato è stato costretto a scendere la scaletta accompagnato dalle 5 persone che viaggiavano con Lui, che non hanno voluto lasciarlo solo, e si sono recati presso gli uffici dell’aereporto per ricevere assistenza.

I dirigenti dell’Enac (l’Ente per l’aviazione civile che assolve anche alla funzione di garante dei diritti dei passeggeri) hanno spiegato loro come comportarsi in queste situazione e le procedure da seguire in questi casi.

Solidarietà di tutti gli svapatori a questo malcapitato passeggero che ha subito un abuso, un atto di violenza dettato dall’ignoranza e dalla pignoleria inutile e becera.

Pubblicato il

Gli Under30 Americani abbandonano il Tabacco

Gli Americani sotto i 30 anni usano più la #SigarettaElettronica che il #Tabacco.

Tra 5 anni i risultati di questo cambio di abitudini sarà evidente in termini di salute pubblica.

Questi sono i risultati della ricerca effettuata dalla società di analisi Gallup, tra le più autorevoli e influenti del mondo.

I risultati si basano su un sondaggio Gallup condotto dall’1 all’11 luglio, il primo in cui agli americani è stato chiesto un parere riguardo alle abitudini di svapo rispetto a quelle legate al fumo di tabacco. e il risultato è che secondo gli under 30 Americani fumare le sigarette “è da sfigati”.

Un altro dato emerso è che i fumatori sono consapevoli che lo svapo è molto meno dannoso per la salute e che enga adottato come sostituto del fumo per motivi di salute.


Questi dati – commentano gli analisti di Gallup – mostrano l’utilizzo della sigaretta elettronica è diventato particolarmente diffuso tra i giovani under 30 che hanno letteralmente abbandonato il fumo tradizionale.

Se l’andamento attuale non cambierà , tra una decina di anni la spesa sanitaria americana potrebbe essere dimezzata con il conseguente miglioramento in termini di salute di almeno il 95 per cento sui danni complessivi da tabacco.

ARTICOLO ORIGINALE

Pubblicato il

SVAPA RAGAZZO RIBELLE…

Se fosse vero che le sigarette elettroniche costituiscono una facile porta di accesso dei giovani al fumo, non sarei dalla parte della legalizzazione……

Ma la verità è che l’uso tra i giovani è per lo più sperimentale.

La ricerca dice che gli adolescenti che hanno provato le #SigaretteElettroniche hanno anche provato a #fumare. La tesi sostenuta è dunque che, visto che i giovani hanno provato la sigaretta elettronica e poi anche la sigaretta tradizionale allora la prima spinge verso la seconda

Il professore Attila Danko ripete per l’ennesima volta ai governi sordi di fronte al business del #Tabagismo che :

…non vi è alcuna correlazione tra le due cose. E’ solo un dato di fatto che prescinde dallo strumento.

Il Royal College of Physicians, che è uno dei più autorevoli organismi medici del mondo, ha fatto uno degli studi più approfonditi in materia, esaminando tutte le ricerche sino ad oggi pubblicate.

E’ stato concluso che lo svapo rappresenta quasi certamente meno del 5% del rischio di fumare. 

Perché si permette – conclude Danko – che il prodotto più dannoso sia venduto liberamente ovunque mentre viene vietato il prodotto più sicuro?“.

Chissà se qualcuna delle istituzioni risponderà a questa domanda che si basa su realtà scientifiche?

ARTICOOLO ORIGINALE

Pubblicato il

IL PEGGIOR CRIMINE….

Jonathan Rhys-Meyers, ubriaco e molesto su un volo di linea, viene fermato perché usa una #SigarettaElettronica.

Imbarcandosi sul volo dell’AMERICAN AIRLINES, il noto attore protagonista di numerose bellissime pellicole, era già visibilmente ubriaco.

Una volta a bordo ha continuato a bere ed è scoppiato un violento litigio con la moglie.

Una volta atterrato l’attore è stato prelevato dalla polizia federale perché aveva fatto alcuni tiri con la sua Sigaretta Elettronica.

Secondo la legge americana, che ha poi rilasciato l’ebbro artista, il crimine più grave commesso dal VIP di turno non è stata l’ubriachezza molesta su un volo di linea e neanche l’aggressione, verbale o fisica che sia, verso una donna, ma l’aver usato una sigaretta elettronica.

ARTICOLO ORIGINALE

Pubblicato il

BIG TOBACCO allunga i suoi artigli sull’africa..

Il continente Africano è il nuovo terreno di conquista del tabacco.

Dopo aver perso enormi fette di mercato a causa della #SigarettaElettronica BIG TOBACCO mira ad espandersi su nuovi.

La crescita demografica Africana avrà un boom fino al 2100 e dagli attuali 80 milioni, i #fumatori potrebbero diventare 600 milioni.

Già adesso i numeri sono da capogiro: tra maschi e femmine il 12% della popolazione fuma regolarmente e con la crescita della ricchezza in alcuni paesi del continente le percentuali continuano ad aumentare.

Ma, spiega l’esperto keniano di Tobacco Harm Reduction Joseph Magero:

la sigaretta elettronica potrebbe essere una svolta salvavita qui in Africa. Potrebbe porre fine al fumo nella nostra generazione. Sono molto fiducioso per il futuro e continuerò a lottare perché questi prodotti siano legalizzati e disponibili per i fumatori”.

La speranza viene data dalla nuova legge sul controllo del fumo che a detta del ministero della salute africano regolamenterà l’uso della sigaretta elettronica ma non la equiparerà al fumo tradizionale.

ARTICOLO ORIGINALE

Pubblicato il

The vaping (not) dead – IL PRIMO CORTOMETRAGGIO SULLO SVAPO

Il miglior film del festival ospitato durante il Global Forum on Nicotine di Varsavia.

Il film è molto crudo in rappresentanza del modo in cui è stato trattato il mondo della #SigarettaElettronica da quei paesi in cui il vaping è stato vietato dai monopoli di stato.

Il film è violento per illustrare le ingiustizie, le derive del potere e dell’industria per proteggere i lobbisti del tabacco e quelli che si rendono assassini o complici di quasi 6 milioni di persone all’anno nel mondo.

Dopo una preparazione di 10 mesi il film è stato realizzato in un’unica giornata di riprese.

Un’aspra critica viene mossa verso i media responsabili di offuscare le notizie scientifiche e di divulgare #FakeNews.

La buona notizia viene data dal concetto che finche il consumatore userà la sigaretta elettronica, il male non trionferà !!!

Il cortometraggio è stato finanziato dal merchandising e potete godervelo con i sottotitoli in Italiano….buona visione !!

ARTICOLO ORIGINALE

 

Pubblicato il

Inghilterra: piu svapatori, meno fumatori

Rapporto Statistics on smoking 2018 i fumatori sono al 14,9 per cento, in continua diminuzione.

Tra il 2011 e il 2017 i fumatori inglesi sono diminuiti di 1,6 milioni

Ovviamente è anche diminuito il numero di morti per malattie fumo-correlate, in calo del 7%.

La statistica fornisce anche dati sull’uso della sigaretta elettronica che, come sappiamo, in Inghilterra ha la benedizione delle istituzioni della salute.

Nel 2017 la prevalenza degli svapatori è al 5 per cento, più 4 punti percentuali rispetto al 2014.

I maggiori utilizzatori hanno fra i 25 e i 34 anni ( 8% ) e fra i 35 e 49 ( 7% ).

Il 48% degli svapatori dichiara di usare l’ecig come strumento per smettere di fumare.

In netto calo la richiesta di farmaci per #SmettereDiFumare.

Se ne deduce che l’abbassamento del numero di fumatori non è collegato al ricorso a terapie farmacologiche ma all’uso della #SigarettaElettronica

ARTICOLO ORIGINALE

Pubblicato il

A Starsburgo sarà vietato il fumare nei parchi pubblici

È la prima città europea ad emanare un provvedimento di divieto di fumo in parchi e aree verdi.

La delibera è stata approvata dal consiglio municipale di #Strasburgo il 25 Giugno.

L’obiettivo dichiarato dall’amministrazione è duplice:

  • Riduzione del numero di fumatori.

  • Riduzione significativa dell’inquinamento ambientale dovuto ai mozziconi di #sigaretta gettati a terra.

Il divieto entrerà in vigore in maniera progressiva durante l’estate.

Pubblicato il

Fumare la sigaretta elettronica non comporta licenziamento

Non è legittimo licenziare il lavoratore in quanto fuma la sigaretta elettronica in mensa.

La sentenza n. 16965/2018 della Cassazione stabilisce che non può essere #licenziato il lavoratore che fuma la #sigaretta elettronica nei locali della mensa.

Fumare una sigaretta durante l’orario di lavoro, non influenza lo svolgimento totale o parziale dell’attività lavorativa.

La Corte di cassazione, ha rigettato il ricorso dell’azienda che aveva avviato la procedura di licenziamento, riconosce che il licenziamento è giustificabile quando avviene una situazione transitoria di totale assenza della prestazione lavorativa; il fumo (nella specie della sigaretta elettronica) durante l’orario di lavoro, non è in sé incompatibile con il contestuale svolgimento della prestazione, in tutto o parzialmente.”

Articolo Originale