Pubblicato il Lascia un commento

Posso fumare la mia sigaretta elettronica in aereo o in treno?

L’avvento delle e-cig ha sicuramente rivoluzionato l’universo delle classiche “bionde”, permettendo a molti fumatori di svapare in luoghi dove prima era assolutamente vietato.

Sigaretta elettronica in aereo

Le attese in aeroporto tra uno scalo e l’altro possono essere momentidifficili per chi fuma la sigaretta elettronica.

Ogni compagnia aerea applicava delle regole specifiche, differenti dallealtre, generando nei vapers incertezze e dubbi.
Ecco perché è necessario fare luce sulla possibilità di fumare la sigarettaelettronica in aereo o all’interno dei terminal. Se prima alcune compagnie loammettevano, oggi non è più consentito fumare la sigaretta elettronicaquando si viaggia in aereo.

Ovviamente le cose cambiano se sei all’aperto: fuori, infatti, è possibile fumare la sigaretta elettronica senza problemi.

Cosa dice la legge in merito al trasporto dei liquidi della sigaretta elettronica in aereo? I liquidi delle e-cig sono soggetti ai controlli di sicurezza secondo la normativa entrata in vigore nel 2006 e tesa a eliminare la minaccia dei liquidi esplosivi di fabbricazione artigianale.

La questione sigaretta elettronica e controlli inaeroporto, quindi, segue le regole relative a tutti i liquidi e ai dispositivi portatili. Per non incorrere in brutte sorprese, però, informati prima del viaggio presso l’aeroporto di partenza… non vorrai di certo restare a terra!

Per essere tranquillo al 100%, consulta anche le norme delle diverse compagnie aeree. Ad esempio, portare la sigaretta elettronica in un aereo Ryanar è consentito a patto che non venga usata, e anche ricaricata, durante il volo.

Sigaretta elettronica in treno

Come sugli aerei, la decisione di non fumare la sigaretta elettronica sul treno è a discrezione della proprietà, che in Italia ha deciso – appunto –di vietarlo.

Puoi tenere la tua sigaretta elettronica in treno senza problemi.

Ultima cosa: oltre che all’interno del treno, la legge vieta l’uso dellasigaretta elettronica anche sui binari.

Sigaretta elettronica in nave

Hai deciso di partire perun’isola è l’unico modo di raggiungerla è via mare, oppure hai prenotato una bella crociera nel Mediterraneo?

Una volta chiusa la valigia, un pensiero ti assale: “Posso fumare la sigaretta elettronica in nave?”.

In nave non ci sono particolari indicazioni da seguire in tema di sicurezza e di trasporto della tua sigaretta elettronica e dei liquidi.

ڃ

Pubblicato il

Ecig fa tossire? Cause, rimedi e buone abitudini

Alcuni svapatori si lamentano per la tosse provocata dalla sigaretta elettronica. Un piccolo disagio che può essere dovuto a diversi fattori, riconducibili però a errate abitudini del consumatore e non a difetti del device o effetti collaterlai della ecig. Con semplici accorgimenti si può continuare a svapare e liberarsi di tosse e gola irritata.

Nicotina
La prima causa di tosse e irritazione alla gola può essere semplicemente un dosaggio di nicotina troppo alto. Basta diminuirne la concentrazione per liberarsi dell’irritazione.


Il liquido
Un liquido con un aroma molto forte può causare la tosse, se non siete abituati. Scegliere un liquido più adatto a voi può essere una soluzione. Sappiate, inoltre, che alcuni sono intolleranti al glicole propilenico. Provate, quindi, a passare ad un liquido composto al 100 per cento da glicerina vegetale.

Pulite regolarmente la vostra sigaretta e cambiate la resistenza del vostro atomizzatore non appena avvertite il minimo sapore di bruciato. Spesso il materiale usurato provoca irritazione.

Fate attenzione anche al voltaggio della vostra sigaretta: ogni resistenza ha bisogno di una potenza diversa.

Alcume persone non tollerano i device creati per sprigionare molto vapore. Basterà evitare gli atom sub-ohm e scegliere delle resistenze classiche (tra 1,2 e 1,8 ohm).

La sigaretta tradizionale
Se avete fumato per molti anni è probablie che le sigarette vi abbiamo causato un’irritazione alla gola, senza che ve ne siate accorti. L’e-cig non fa che risvegliare i danni causati dal tabacco. Bisogna aspettare che il vostro corpo si disintossichi dal tabacco, prima che la vostra gola si adatti al vapore. Può volerci qualche giorno o diverse settimane.

Svapate a modo vostro
Se, nonostante tutti questi suggerimenti, la tosse non vi è ancora passata, provate a svapare in modo diverso. Potete tenere il vapore in bocca per qualche secondo prima di inalarlo. Soprattutto non perdetevi d’animo, non tornate alla sigaretta tradizionale e lasciate alla vostra gola il tempo di abituarsi all’e-cig. Dopo qualche giorno, il vapore non vi farà più tossire. La sigaretta elettronica non è pericolosa, il tabacco sì: avete tutto da guadagnare.

Pubblicato il Lascia un commento

PERÒ IL NUMERO DI FUMATORI NON CALA!!

Negli ultimi 5 anni, corrispondenti al periodo di diffusione sul mercato delle sigarette elettroniche, il numero dei fumatori in Italia non è diminuito: sono poco meno di undici milioni, pari al 21 per cento della popolazione.

Il consumo medio è di circa 13 sigarette al giorno a fumatore.

Sembra proprio che l’avvento della sigaretta elettronica non abbia lasciato il segnosperato.

Fabio Beatrice, direttore della struttura di otorinolaringoiatria e del centro antifumo dell’ospedale San Giovanni Bosco di Torino afferma:


«Ma la cessazione totale è un traguardo difficile e non è un obiettivo percorribile da tutti .

Anche una diminuzione significativa delle sigarette fumate e di conseguenza del contatto con sostanze tossiche e cancerogene può essere utile».

C’è da dire che sui dati pesa anche la realtà dei fumatori duali di coloro, ossia, che usano le sigarette elettroniche a parziale sostituzione delle classiche bionde, il che è già un ottimo traguardo; dimezzare il numero di sigarette fumate quotidianamente, magari fumando la sigaretta elettronica la mattina quando il fumo tradizionale fa più male, è già un ottimo inizio per dimezzare i danni.

Personalmente ho amato fumare per anni e la decisione di abbandonare le sigarette è stata motivata dall’accusare i primi problemi come il fischietto notturno, il russare e il fiato corto; a tutti coloro che sono nel dubbio posso dire che se ce l’ho fatta io ce la possono fare tutti, e assicuro che fumavo tanto e che mi piaceva tantissimo !!

Buone svapate a tutti.

Pubblicato il Lascia un commento

Le sostanze cancerogene nelle sigarette tradizionali

La quantità di sostanze chimiche nelle sigarette è impressionante, la sigaretta contiene circa 4 mila sostanze chimiche, di cui 400 sono tossiche e almeno altre 400 sono cancerogene.

Ecco alcuni ingredienti tossici presenti in ogni sigaretta:

  • Il monossido di carbonio è un gas che deriva dalla combustione del tabacco, diminuisce la quantità di ossigeno nel sangue, comporta  invecchiamento precoce e basso rendimento muscolare.
  • La nicotina è una sostanza psicoattiva, una droga; in 3-10 secondi arriva al cervello e stimola la produzione di dopamina e adrenalina. Causa dipendenza, aterosclerosi , aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa.
  • Il Catrame è formato da idrocarburi che si depositano nei polmoni e nelle vie respiratorie e provoca i “denti gialli”.
  • Le sostanze irritanti del fumo danneggiano le vie respiratorie e interferiscono con l’autodepurazione dei polmoni. Alcune di esse, come l’acido cianidrico, l’acroleina, la formaldeide, gli ossidi di azoto e l’ammoniaca danneggiano le mucose dei bronchi.

Alcune sostanze irritanti presenti nelle sigarette:

Arsenico. È un veleno contenuto anche nei topicidi, danneggia cuore e vasi sanguigni, sistema nervoso e digestivo.
Cadmio. Contenuto anche nelle batterie, danneggia i reni e il rivestimento delle arterie.
Cromo. È responsabile del cancro al polmone e, solitamente, si trova negli smalti e nelle vernici.
Cianuro di idrogeno. Danneggia cuore e vasi sanguigni. 

.

La sigaretta contiene molte sostanze dannose per il corpo contenute ,specialmente, nel catrame; queste hanno effetto diretto sui polmoni, sull’apparato respiratorio (cavo orale, gola, corde vocali) e sull’apparato digerente e urinario

Pubblicato il Lascia un commento

Hong Kong non vieti le sigarette elettroniche

Appello degli scienziati al premier

2 Scienziati di livello : Riccardo Polosa e Konstantinos 
Farsalinos
, sono entrati nella questione del divieto di vendita delle sigarette elettroniche che il premier di Hong Kong, Carrie Lang, vorrebbe imporre nella sua regione .

In un documento redatto in comune, i due professori hanno espresso le loro preoccupazioni per l’annuncio del premier di bloccare la vendita delle sigarette elettroniche.

Gli scienziato hanno sottolineato il rischio di sottrarre ai fumatori la possibilità di scegliere prodotti meno dannosi, negando di fatto il loro diritto di scegliere il meglio per la propria salute. 

Pubblicato il Lascia un commento

Notizie Internazionali

Germania
I medici di chirurgia vascolare tedeschi hanno posto al centro del dibattito del convegno di Bonn il tema della difesa di arterie e vene, chiedendo un approccio innovativo all’abbandono del fumo.
La sigaretta elettronica è stata riconosciuta come strumento innovativo, in grado di aiutare il fumatore ad allontanarsi dal tabacco.

Spagna
Le associazioni Move e Anesvap hanno redatto un documento di sintesi per sensibilizzare l’opinione pubblica e il governo contro il tabagismo usando la sigaretta elettronica. 


“La sigaretta elettronica è la grande innovazione sanitaria del XXI secolo nella lotta al tabacco e integrarla efficientemente in tutte le nostre politiche tradizionali è la grande sfida che dovremo affrontare”. 

Francia
Il settore dello svapo è particolarmente in ascesa in Francia, grazie anche alle politiche più decise contro il fumo.
I tabaccai cominciano a prendere sul serio gli inviti del presidente Macron a sposare il nuovo mercato.

Gran Bretagna
Nella prossima edizione del Next Generation Nicotine Delivery Conference, che si terrà fra meno di un mese a Londra, si parlerà o delle innovazioni dei prodotti di nuova generazione per la somministrazione di nicotina.

Francia
E’ terminato il Salon Vapexpo, tenutosi nel tradizionale spazio di Villepinte.

Gran Bretagna
La Gran Bretagna si conferma il paradiso per i vapers.
Le politiche sanitarie sono a favore dell’uso della sigaretta elettronica per la riduzione del danno e non risentono delle attività di lobbing.

Francia
E’ scattato il sesto aumento consevutico del prezzo delle sigarette; la politica di lotta al fumo del governo Macron continua inesorabile a spingere il pacchetto di sigarette verso il prezzo di 10€.

Francia
La rivista Masculine, celebra la sigarette elettronica come accessorio di costume.

Usa
Il settore del vaping, negli stati uniti, si è sviluppato fino a diventare una parte importante dell’economia del paese; nonostante questo l’amministrazione Trump sta discutendo una serie di regole per imbrigliare l’intero settore.
Non vengono minimamente considerati tutti quei fumatori che, grazie alla sigaretta elettronica,sono riusciti a sganciarsi dall’incubo della dipendenza dal fumo.

#Salute , #Svapo , #Ecig , #SigarettaElettronica

Pubblicato il

Germania, chirurghi vascolari a favore della sigaretta elettronica

I medici hanno chiesto una formazione sui prodotti che riducono il danno da fumo.

I chirurghi vascolari tedeschi, che si sono incontrati a Bonn lo scorso 20 ottobre per la riunione annuale dell’Associazione tedesca di chirurgia vascolare, hanno discusso di protezione vascolare e di fattori di rischio legati al fumo di sigarette.

“Una delle principali contro-strategie è la migrazione dei pazienti a rischio di sigarette ai moderni vaporizzatori di nicotina…In germania i fumatori sono abbandonati a se stessi due volte. Le terapie di disassuefazione non vengono rimborsate e le alternative che sono provatamente meno dannose, come le sigarette elettroniche e i riscaldatori di tabacco, non vengono consigliate dalle istituzioni sanitarie”.


Eppure secondo un sondaggio condotto nel Paese anche in Germania le sigarette elettroniche sono lo strumento più usato per smettere di fumare.

I medici vascolari chiedono, quindi, di essere nuovamente coinvolti nella cessazione al fumo e, soprattutto, richiedono una formazione specifica sulle moderne alternative come le sigarette elettroniche.